Skyscraper

Categorie: Film, Recensione

Pubblicato il 23-07-2018 alle 17:38

Skyscraper (2018 | USA | 102 minuti)
Dwayne Johnson (Will Sawyer), Neve Campbell (Sarah Sawyer), Chin Han (Zhao Long Ji), Roland Møller (Kores Botha), Noah Taylor (Mr. Pierce), Byron Mann (Ispettore Wu), Pablo Schreiber (Ben), Hannah Quinlivan (Xia).
Sceneggiatura & Regia: Rawson Marshall Thurber
Genere: Azione | Un po’ di fantascienza | Non guardare giù | Die Hard With Fear of Heights

Will Sawyer è un ex agente dell’FBI che perse la gamba durante un’operazione di polizia. Attualmente è felicemente sposato con due bellissimi marmocchi e si occupa della sicurezza dei grattacieli di tutto il mondo. Un nuovo lavoro lo porta a trasferirsi con tutta la famiglia a Hong Kong, in un edificio super tecnologico auto-sostenibile chiamato “The Pearl”; 220 piani e poco più di mille metri di altezza lo rendono l’edificio più alto del mondo surclassando così gli 830 metri del Burj Khalifa di Dubai.

Tutto bello, tutto figo, tutto super sicuro tranne quando un gruppo di presunti terroristi entra nel palazzo seminando panico e distruzione; Will si trova fuori dall’edificio e quando si rende conto della situazione si butta a capofitto per salvare la sua famiglia rimasta intrappolata dentro.

Fuori scala abbiamo anche Rocco Siffredi

Vedendo il trailer di questo film balza subito alla mente il bellissimo Die Hard – Trappola di Cristallo, purtroppo poi vedendolo ci si rende conto del divario qualitativo tra le due pellicole. Ormai sono diversi anni che sto constatando sempre più con la tristezza nel cuore che il cinema d’azione sta scomparendo, intendo il cinema d’azione puro ricco di esplosioni & battutacce, senza fare economia di proiettili, quel filone che è partito da Commando con Schwarzenegger e che ha prodotto saghe come Die Hard e Arma Letale; attualmente per vedere quello di cui sto parlando si deve vedere un Fast & Furious o al massimo deve sfornare un film Michael Bay, sperando che si capisca qualcosa nelle scene d’azione…

Questa pellicola infatti è l’ennesimo filmetto. Dwayne Johnson, ex The Rock, mi piace come attore, sa essere molto ironico e a mio modesto parere è il degno erede di Schwarzenegger, ma non è che per forza tutte le volte che hai lui come protagonista in un film d’azione tutto deve essere una puttanata.

X=vt; Y=½gt²+vt+y Fate i conti.

La storia non è niente di elaborato, senza nessun colpo di scena o espediente narrativo degno di nota e come già anticipato in precedenza tutto è reso in maniera esagerata e infatti sfocia nella peggiore americanata; per carità, ci tengo a precisare che le americanate mi sono sempre piaciute, ma non quando si esagera come in questa pellicola, ancora più esagerato se si pensa quello che fa il protagonista essendo provvisto di una protesi alla gamba.

Voglio pensare che questo film se fosse stato girato una ventina di anni fa, avrebbe avuto come protagonista il grande Arnie e sarebbe stato sicuramente meglio. Nostalgia…

Voto di Axel Foley: 2 Nastri adesivi su 5
Voto di Snake Plissken: 2 Protesi ad alta tenuta su 5
Voto di Bat-Fiz: 3 Trappola di cristallo su 5

 

Informazioni su Axel Foley

Axel Foley

Membro fondatore di FinalCiak. Potete contattarlo direttamente scrivendo a axelfoley@finalciak.com