La Migliore Offerta

Categorie: Film, Recensione

Pubblicato il 29-09-2013 alle 18:49

locandina

La migliore offerta (Italia, 2013, 124 min)
Regista: Giuseppe Tornatore
Sceneggiatura: Giuseppe Tornatore
Musiche: Ennio Morricone
Interpreti: Geoffrey Rush, Jim Sturgess, Sylvia Hoeks, Donald Sutherland
Genere: Thriller, Drammatico, Romantico

Virgil Oldman è un battitore d’aste, richiestissimo e ricchissimo. Vive in una solitudine dorata, ottenuta coltivando uno spiccato talento per l’arte e per la valutazione delle opere stesse. Burbero, preciso, elegante, misurato e privo della minima empatia.
Di tutte queste cose sgradevoli lui semplicemente se ne infischia, vive bene la sua vita precisa ed ordinata, senza scossoni.

Virgil

Si approfitta spesso del proprio talento nel valutare oggetti antichi e opere d’arte, riuscendo con l’aiuto del suo vecchio amico Billy, un artista che non è mai riuscito a diventare famoso, ad entrare in possesso di un autentico capitale in opere d’arte. Autentico in tutti i sensi.

Un giorno si trova a dover eseguire una valutazione sul capitale di Claire una giovane ereditiera desiderosa di vendere quanto possiede in un asta affidandosi a lui, il migliore.
Claire è agorafobica, si presenta come un personaggio che non esce mai alla luce del sole, si nasconde alla vista degli altri. Rendendo estremamente difficile il rapporto di lavoro con l’intransigente Virgil, il quale inizierà a sviluppare nei suoi confronti un sentimento Autentico di affezione.

ClaireLa vicenda ruota attorno a questo personaggio, che nel corso del film subirà immensi cambiamenti; nell’intreccio tuttavia sono presenti anche storie minori tutte ugualmente importanti e che saranno riepilogate alla fine in un’unica sconvolgente rivelazione.

Trattandosi di un thriller non posso dire di più, non è mio costume svelare gli arcani di una storia, soprattutto se costruita in modo così magistrale. Posso solo dirvi che Autentico è la parola chiave di questo film, e ricordarvi che, come dice lo stesso Virgil Oldman

“In ogni falso si nasconde sempre qualcosa di autentico”

Virgil si nasconde

Film che passa a pieni voti il mio test. Sebbene consideri Tornatore un regista estremamente pesante (tanto che non ho avuto mai la pazienza di sorbirmi i suoi lunghissimi polpettoni) in questo film è riuscito a tenere viva la mia attenzione, con un calo preoccupante a circa 20 minuti dalla fine che comunque si è fatto abbondantemente perdonare.

Magistrale l’interpretazione di Geoffrey Rush che con questa perla si guadagna un posticino nella mia personale “Hall of Fame”.

Per me è 10
Voto IMDb 7.7 /10

 

Informazioni su Noa

Noa

Collaboratrice ufficiosa di FinalCiak. Potete contattarla indirettamente inviando una mail al Webmaster che prontamente la girerà.