Dexter

Categorie: Recensione, Serie TV

Pubblicato il 31-05-2012 alle 19:24

Dexter (USA | 2006-2013 | 60 minuti)

Michael C. Hall (Dexter Morgan), Jennifer Carpenter (Debra Morgan), Lauren Vélez (Maria LaGuerta), David Zayas (Sergente Batista), James Remar (Harry Morgan), C.S. Lee (Vince Masuka), Desmond Harrington (Joey Quinn), Julie Benz (Rita Bennett), Erik King (Sergente Doakes).
Tratto dal romanzo di Jeff Lindsay. Serie sviluppata per la tv da James Manos Jr..
Genere: Crimine | Drammatico | Mystery | Thriller
Stagioni: 1 (12) | 2 (12) | 3 (12) | 4 (12) | 5 (12) | 6 (12) | 7 (12) | 8 (12)

Dexter viene adotatto da Harry Morgan, un poliziotto di Miami molto rispettato in ambiente lavorativo. Harry ben presto però si accorge che il figlio adottivo ha degli strani comportamenti e si diverte ad uccidere gli animali; così Harry conoscendo bene il suo mestiere capisce che il futuro di Dexter è segnato perchè con questo suo viziaccio finirà sicuramente per far del male a degli esseri umani innocenti, avendo tutte le carte in regola per diventare un perfetto serial killer. Allora Harry cerca di salvare il salvabile: insegna a Dexter a sfogare le sue voglie solo su chi se lo merita e a coprire le sue tracce per non farsi pizzare.
Dexter cresce e da grande diventa un agente della polizia scientifica di Miami specializzato in ematologia, egli infatti studia la dinamica degli schizzi di sangue sulle scene del crimine riuscendo a capire molte cose sugli omicidi appena avvenuti, a questo si aggiunge il fatto che lui stesso è un serial killer ed è un vantaggio perchè gli permette di pensare come questi criminali.

Questa è la maschera che Dexter mostra agli altri tutti i giorni e sul lavoro. Nel tempo libero invece, facendo tesoro degli insegnamenti del padre (il cosiddetto codice di Harry), si diverte a fare il punitore su quei rifiuti della società che sono riusciti a sfuggire alla giustizia, facendoli letteralmente a pezzi dopo una buona iniezione di etorfina (che tanto piace al nostro Flusso Canalizzatore) e conservando da ogni sua vittima come trofeo una goccia di sangue che deposita su un vetrino da microscopio, questa collezione poi la tiene nascosta nel condizionatore di casa.
Il resto della vita di Dexter è pressochè “normale”: ha una sorella, Debra, che lavora in polizia a cui è molto legato e che puntualmente è sempre pronto ad aiutare, ha una ragazza, Rita, disturbata come lui perchè il marito l’ha violentata (ma per Dexter il non fare sesso non è un problema) e questa ha due bellissimi figli con i quali il nostro protagonista è entrato subito in sintonia.

Con l’aiuto di wikipedia è interessante conoscere la trama del primo romanzo di Lindsay, per cogliere le differenze dalla serie, gli spoiler sono sono presenti ma ben occultati.
Ci sono molte differenze tra il romanzo e la serie, a partire dalle storie parallele dei personaggi secondari fino a modifiche più profonde apportate alla storia principale.
Il romanzo rappresenta esclusivamente il pensiero di Dexter, voce narrante, trattando soprattutto l’ossessiva ricerca di quest’ultimo dell’Assassino del Camion Frigo, il serial killer che per tutta la storia sfida Dexter con i suoi efferati delitti.
Ad eccezione della sorellastra Debra (che nel libro si chiama Deborah) e del padre adottivo Harry, alcuni dei personaggi non protagonisti come Doakes, Batista e LaGuerta hanno ruoli minori all’origine.

Il cambiamento più significativo, però, si ha nello smascheramento e nella rivelazione dell’identità de Il Killer del Camion Frigo. Nel romanzo, Dexter (e di conseguenza, il lettore), è portato a credere che sia lui stesso l’assassino a causa di strani sogni che lo collegano agli omicidi.
L’indizio finale è una foto sfocata di qualcuno che assomiglia molto a Dexter scattata sulla scena del crimine. Dopo che Il Killer del Camion Frigo rapisce Debra, Dexter, inseguito dal Tenente LaGuerta, affronta l’assassino e viene rivelata la sua identità: è suo fratello Brian che, come Dexter, era stato testimone del brutale assassinio della loro madre. Il romanzo termina con l’uccisione di LaGuerta da parte del Killer, la scoperta da parte di Debra che suo fratello è un serial killer e con Dexter che aiuta il killer a fuggire, azione che fa riferimento al romanzo seguente. Come trofeo, Dexter aggiunge poi una goccia del sangue di LaGuerta alla sua collezione di vetrini.
Sebbene dalla seconda stagione in poi le trame della serie non siano più tratte da nessuno dei libri di Jeff Lindsay, nei titoli di testa si legge ancora che la serie televisiva è basata sul romanzo La mano sinistra di Dio (Darkly Dreaming Dexter, 2004) riedito poi nel 2009 con il titolo di Dexter il vendicatore.

Segnali di stile. Ogni serie, che come avrete notato è composta regolarmente da 12 episodi, si incentra principalmente sulla caccia al serial killer di turno, da qui poi avranno origine due indagini parallele: quella ufficiale della squadra omicidi e quella segreta di Dexter, che intanto dovrà confrontarsi con il suo “oscuro passeggero”.
Gli altri personaggi sono fin dall’inizio protagonisti di storie parallele, che non passano assolutamente in secondo piano rispetto alla trama principale.
Una serie poliziesca sicuramente in partenza e nel finale, ma che in mezzo aggiunge un pizzico di ironia, erotismo, violenza e sentimento; ciò potrebbe rappresentare un mix letale e invece ogni singolo elemento è dosato e collocato al momento giusto, senza bigottismo nè ipocrisie.

Conclusioni. A vedere le locandine promozionali di ogni singola serie il protagonista sembra molto più psicopatico di quanto non lo sia realmente durante la visione.
La prima serie a mio parere è la migliore e ho gradito molto di più il finale rispetto al libro, la seconda è quella che invece mi ha preso di meno, le altre risultano essere molto valide.
Una serie comunque innovativa, sicuramente per un pubblico adulto ma consigliata se siete amanti del giallo e del poliziesco, viedrete, vi piacerà.

Bat-Fiz Wars
-A New Hope-

“E’ la notte giusta

Prodotta da Showtime questa serie, tra corpi a pezzi e humor tagliente, saprà divertire anche i più deboli di stomaco…

Voto di IMDb: 9,1
Voto di Axel Foley: 8,5
Voto di Bat-Fiz: 8 (mi fremono i polpastrelli quando diventa killer)

 

Informazioni su Axel Foley

Axel Foley

Membro fondatore di FinalCiak. Potete contattarlo direttamente scrivendo a axelfoley@finalciak.com