Call of Duty: Act of Valor

Categorie: Film, Recensione

Pubblicato il 14-04-2012 alle 19:46

Regia: Mike McCoy, Scott Waugh
Sceneggiatura: Kurt Johnstad
Interpreti: Roselyn Sanchez, Alex Veadov, veri soldati, veri terroristi
Piattaforma: Playstation, XBox, PC, Cinema
USA 2012, Azione / Avventura / Thriller / Guerra, 110 min (campagna single player)

Trama: Una squadra di Navy SEAL (veri soldati) deve affrontare una pericolosa missione sotto copertura per salvare un agente della CIA (Roselyn Sanchez) sequestrato da una cellula terroristica.

Premi X per continuare

Il capo della cellula terroristica, chiamato Christo (Alex Veadov) ha in possesso una micidiale arma terroristica tra le mani: uno speciale esplosivo invisibile ai detector.

Premi X per continuare

Con la minaccia terroristica che varca i confini americani, la squadra SEAL dovrà fermare i cattivoni prima che migliaia di civili americani saltino in aria.

Caricamento…

Perchè il male trionfi serve solo che i buoni rinuncino all’azione. (Edmund Burke)

Caricamento…

Impressioni: Call of Act of Valor Duty for USA: W i Marines 2 (d’ora in avanti solo AoV, N.d.R.) è il classico film iperpompato di patriottismo americano, gesta eroiche, esplosioni e terroristi che minano il nostro stile di vita democratico. Parlando seriamente, questo film ha come scopo quello di caricare come mine i giovani americani rincoglioniti da videogame tipo Call of Duty, per poi convincerli subdolamente ad arruolarsi e dare tutto per l’amata patria (o le amate multinazionali).

I marine sono forti e i marine sono cazzuti, non c’è niente che questa squadra non possa fare, tranne perdere uomini nel fuoco nemico (e se li perdono è per epici sacrifici), un pò come nei videogame dove si affrontano ondate e ondate di terroristi imbecilli e, se si viene colpiti, basta un medikit o ripararsi un momento dietro un muretto, proprio come la vita reale (lo dice anche il sottotitolo del film).

La regia è praticamente copiata dai videogame First Person Shooter (che i nerd chiamano FPS, o sparatutto in prima persona), con un uso massicico della telecamera da spalla e inquadrature dietro al mirino. Gli attori che impersonano i SEAL sono veri soldati SEAL, sono quindi dei manici nei movimenti e nelle pose tipiche dei militari (è il loro lavoro) e noto con piacere che sono anche migliori degli attori italiani a impersonare un ruolo. Anche i terroristi sono veri terroristi che cercano di far saltare in aria veramente parte del suolo americano; anche loro si distinguono per una capacità di recitazione sicuramente superiore a quella degli attori nostrani.

Per il resto ci troviamo di fronte ad un action movie classico, con molta azione e una trama banale (con finale ancora più banale), assolutamente medriocre. Grande dispiacere non vedere in azione l’esperto in interrogatori. I suoi compagni preferiscono affrontare uno scontro a fuoco armati di coltello piuttosto che affrontare un interrogatorio con lui… non sapremo mai perchè, forse ha l’alito cattivo.

Conclusioni: AoV è un buon FPS, graficamente aggiornato e spreme in fondo l’hardware del vostro PC. La versione PS3 è identica a quella XBox (anche se nell’XBox la bandiera americana ha una grafica migliore). Volendo la campagna single player è un tantino corta e banale. Stranamente quella multiplayer non richiede codici ma l’arruolamento in un corpo militare americano ma a detta di molti promette ore di divertimento! Per arruolar… per giocare in multiplayer basta comprare il biglietto e firmare un foglio di carta vicino a un tizio con il basco in testa.

Pregi: tante esplosioni, tante sparatorie

Difetti: film militarista pro USA, è una campagna per l’arruolamento, trama banale, all’uscita vi aspetta il pulmann dei Marines che vi porterà a Camp Pedleton (avete letto bene le clausole nel biglietto di ingresso?)

Voto di IMDb: 6,5
Voto di Doc Brown: 5
Voto di Snake Plissken: 5 (IU ES EI! IU ES EI! IU ES EI!)
Voto di Axel Foley: 5
Voto di Bat-Fiz: 6

Act of Valor Episode II
Attack of Bat-Fiz

Film fatto dagli americani per gli americani, dove gli americani godono d’essere americani per questo patriottismo di puttanate americane che ti fanno sembrare che essere americano sia proprio figo soprattutto perchè puoi fare parte dei Navy Seal … lineare no!?

Trama. Se pensate ad una storia banale di un militare che combatte il terrorismo assieme al suo migliore amico e che poi quest’ultimo muore nell’azione… beh avete capito perfettamente il film, ma non vi preoccupate, perchè non vi ho spoilerato un bel niente, dal momento che si capisce tutto al quinto minuto di proiezione.

Impressioni. Se dopo tutto questo vi dicessi di non andare a vedere il film, farei un terribile errore. Proprio così perchè il punto forte dopo questo marasma di battute senza senso e colloqui inutili della vita famigliare, il momento d’azione è quello che nel gergo giovanile si può dire “spacca di brutto”. Immaginatevi Minimè con l’indice e il medio alzati di entrambe le mani, e chiudendoli allo stesso ritmo dice: Spacca di brutto… si questa è l’idea…
Una fotografia davvero molto similare ai videogiochi di ultima generazione, e sono profondamente convinto che le tecniche d’azione riportate sono le stesse che avvengono nella realtà.

Conclusioni. Non sono soddisfatto a livello di trama ma lo sono per la visione in prima persona che da un tocco decisamente originale.
Per me è un 6 (solo per l’azione altrimenti scenderebbe a 4!)

 

Informazioni su Doc Brown

Doc Brown

Membro fondatore di FinalCiak. Potete contattarlo direttamente scrivendo a docbrown@finalciak.com

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com