Underworld: Il risveglio

Categorie: Film, Recensione

Pubblicato il 24-01-2012 alle 18:38

Underworld: Awakening (USA | 2012 | 88 min)
Kate Beckinsale (Selene), Stephen Rea (Dr. Lane), Michael Ealy (Detective Sebastian), Theo James (David), India Eisley (Eve), Charles Dance (Thomas), Scott Speedman (Michael). Musiche di Paul Haslinger. Scritto da Len Wiseman, John Hlavin, J. Michael Straczynski & Allison Burnett.
Diretto da Måns Mårlind & Björn Stein.
Genere: Azione | Fantasy | Horror | 88 minuti.

Previously on Underworld (spoiler)

Vampiri e Lycan (lupi mannari) sono in guerra tra loro all’insaputa del genere umano.
La leggenda narra di due fratelli, i figli immortali di Alexander Corvinus: Marcus, morso da un pipistrello, divenne il capostipite di tutti i vampiri e William, morso da un lupo, divenne il primo e più potente dei Lycan.
Esistono degli agenti di morte tra i vampiri con il compito di uccidere i Lycan, come la nostra protagonista, Selene, che per ben 600 anni ha servito il suo popolo con la convinzione che i suoi genitori vennero uccisi dai Lycan e lei stessa venne morsa da uno degli anziani, Viktor, e tramutata in vampiro per essere salvata, diventando così una degli agenti di morte più capaci.

Durante una delle sue missioni incontra e si innamora di Michael Corvin, discendente diretto dei Corvinus; una notte vengono alla luce tutti i tradimenti della razza dei vampiri, compresi quelli di Viktor che si dimostrò il vero assassino dei genitori di Selene. Nello scontro finale Selene si prende la sua vendetta nei confronti di Viktor e scappa con Michael il quale nel frattempo è diventato un ibrido, un incrocio tra le due razze e quindi un essere molto potente.

Nel frattempo l’ultimo degli anziani, Marcus (il primo vampiro e quindi più cazzuto) si risveglia in anticipo con un’idea balorda: trovare il luogo dove è rinchiuso il fratello per liberarlo e conquistare il mondo, ricordiamo che William è il primo Lycan, rinchiuso secoli fa perchè non era proprio docile come un cagnolino e quindi incontrollabile.
Per liberarlo occorrono due chiavi: una è nascosta nel corpo di Viktor, che è intanto stato recuperato da Alexander Corvinus e l’altra è in un amuleto che Michael porta al collo, amuleto donato da Lucian, defunto leader dei Lycan.

Selen e Michael si recano da Corvinus con l’intento di farsi aiutare a fermare Marcus; le cose si mettono male perchè arriva Marcus che fa fuori tutti e si impossessa delle due chiavi e vola a liberare il fratello. In punto di morte Corvinus dona il suo sangue di immortale a Selene che diventa così ancora più figa, più cazzuta e immune alla luce del sole.
Selen incazzatissima per la morte di Michael insegue Marcus e con l’aiuto degli uomini di Corvinus giunge ad un’antica fortezza; qui William viene liberato, Michael torna in vita giusto in tempo per salvare la sua amata dagli uomini di Corvinus che si sono trasormati in Lycan, nuovo
scontro finale che termina con la morte dei due fratelli immortali Marcus e William e ora Selen e Michael osservano il sorgere del sole pensando alla loro nuova vita e a cosa gli riserverà il futuro…

Trama

… ecco cosa gli riserva il futuro: l’umanità è a conoscenza del conflitto tra le due specie ed una notte entrambi vengono catturati e rinchiusi nei laboratori di questa misteriosa Antigen.
Dopo un sonno criogenico durato ben 12 anni, Selene si sveglia, riesce a liberarsi e parte alla ricerca di Michael tentando di capire il motivo per cui li hanno rinchiusi ma scopre di avere un figlia, anche lei un incrocio delle due razze come Michael…

La pellicola non dura molto ma il tempo vi volerà via perchè è molto ricca di azione e a memoria mi sembra molto più violenta delle precedenti.
Il 3D è buono, ripeto anche se faccio fatica a dirlo, è fatto bene ma comunque evitabile, soprattutto per il prezzo del biglietto!
Le sensazione che ho avuto durante i titoli di coda non era quella di un film che mi ha appagato, il regista di Die Hard – Vivere o morire nonchè autore della saga e regista dei due film precedenti (e marito di Kate Beckinsale // Selene n.d.Snake) questa volta si limita alla sola sceneggiatura lasciando il timone di regia agli svedesi Måns Mårlind & Björn Stein.

Con questa quarto film della saga si chiude un ciclo e si gettano le basi per crearne di nuovi: infatti i primi due capitoli sono legati dalla stessa trama e il terzo, essendo un prequel, chiarisce i motivi della guerra tra le due razze.
Allora per adesso stiamo pazienti e aspettiamo a vedere cosa ci riserverà il futuro, quindi sulla fiducia diamo più della sufficienza ma la mia paura è che si prolunghi troppo con altri due o tre film e rompa la minchia allo spettatore di Finalciak come ha fatto e continuerà a fare Resident Evil.

Voto di IMDb: 7,2
Voto di Axel Foley: 7
Voto di Doc.Brown: 6 (i vampiri mi hanno rotto la minchia)
Voto di Snake Plissken: 7,49 (Così Axel impara a farmi fretta…)

 

Informazioni su Axel Foley

Axel Foley

Membro fondatore di FinalCiak. Potete contattarlo direttamente scrivendo a axelfoley@finalciak.com

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com