The Twilight Saga: Breaking Dawn – Parte 1

Categorie: Film, Recensione

Pubblicato il 22-11-2011 alle 22:41

Live Free or Twi Hard (USA, 2011, 117min)
Regia: Bill Condon.
Cast: Taylor Lautner, Kristen Stewart, Robert Pattinson, Billy Burke, Sarah Clarke, Ashley Greene, Peter Facinelli, Gil Birmingham.
Sceneggiatura: Melissa Rosenberg, Stephenie Meyer (Romanzo).
Genere: Avventura | Drammatico | Fantasy | Romantico | Pathos a sbadilate, amore a betoniere.


Altro che scvarzeneger!

Previously on The Twilight Saga (Per la recensione di Eclipse cliccate qui)
Bella Swan (per gli amici Beautiful Cigno) arriva nel paese del padre e quando va a scuola per la prima volta vede Edward Cullen, il più “figo” e cadaverico di tutti. Lui la guarda, lei si morde le labbra, lui la salva da un’auto in corsa. Scopriremo che Edward è un vampiro “vegetariano” e che dall’altra parte di un improbabile triangolo amoroso abbiamo un mutaforma amante della ghisa, Jacob Black. Nel finale Edward succhia un po’ di sangue a Bella per non farla trasformare in vampiro (per colpa dei Black Eyed Peas). Tutto questo in 117 minuti di pathos.
Durante il giorno del 18 compleanno di Bella, Edward capirà che è molto pericoloso averla attorno e decide di lasciarla. Bella quindi si farà avvolgere dal pelo e dal muscolo di Jacob, ma soprattutto dal suo odore. Nel frattempo Edward va a vedere l’anteprima di Twilight in Italia e dopo aver visto il film cerca la morte per mano dei Volturi, un antico clan cazzutissimo di vampiri. Bella, sfortunatamente, lo salverà e Edward le chiederà di sposarlo. Un supposta da 130 minuti.
Tornata a Fork con Edward, Bella deve affrontare un quesito Shakespeariano: “Mi bombo Edward o mi bombo Jack? No, me li bombo entrambi. No dai, faccio la suora e non mi bombo nessuno“. Nel frattempo un branco di “neonati” vampiri assedia la cittadina di Fork, portando Mutaforma e Vampiri ad unire le forze. Sconfitta la minaccia, Bella informa il padre delle nozze. Il padre vuole smettere di vivere dopo la tragica notizia. 121 minuti privi di colpi di scena ma con tanto tanto pathos.


Perchè la bambina doveva essere così sexy?!

Trama
Jacob sta sollevando un pò di ghisa quando arriva l’invito alle nozze di Edward e Bella. Così Jacob si incazza, si trasforma in lupo e se ne và tra gli ululati. Si rifarà vedere durante le nozze solo per ricordare che “sincero” è il suo secondo nome. I novelli sposi vanno in viaggio su un isola in Brasile e giocheranno sempre a scacchi, ma bella è una capra e perderà sempre. La prima notte di nozze è una cisterna di sguardi infiniti, con un sacco di dialoghi inutili e distruzione casuale del letto. Dopo aver finalmente bombato, per un errore di estrazione, Bella rimane incinta di Edward, lasciando tutti di stucco. [Ricordiamo il postulato secondo cui “l’ex campione di salto della quaglia ora è padre“]. Bella decide di tenere il bambino, consapevole che il rischio è simile a quello di avere un Alien in pancia. Il branco di Jacob decide, nel pieno rispetto dei diritti dell’uomo, che il figlio di Bella è un abominio e va quindi sbranato; Jacob si oppone diventando un maschio alfa e lasciando il branco. I Cullen, Jacob e altri due mutaforma dovranno resistere all’assedio del branco durante le ultime ore di gravidanza di Bella. Alla nascita di Renesmee, Jacob subisce l’imprinting appena la vede, battendo ogni record di pedofilia (bambina nata da meno di un’ora); di conseguenza Sam e il suo branco sono costretti ad abbandonare l’intento di ucciderla, poiché la legge del branco impone ai lupi di non uccidere l’oggetto dell’imprinting di un loro simile (che gran culo). Dopo un po’ di titoli di coda Tarantiniani (che non c’entrano una beneamata con il film) assisteremo alla nuova minaccia da parte dei Volturi, altrimenti la saga poteva benissimo finire qui!
Complimenti, siete più vecchi di 117 minuti.


Scacco matto! Sono incinta!

Opinioni
Costretto alla fiera dell’ovvio e alle situazioni più paradossali con una storia che non entra mai nel vivo la saga di Twilight è un massacro intellettivo per ogni uomo sano di mente. Kristen Stewart è un bel bocconcino e, probabilmente, rappresenta anche una buona eroina che non si tira indietro davanti alle situazioni più disparate mostrando un enorme coraggio. Arrivati al quarto film, la saga sembra stanca quanto i recensori di questo sito. Niente colpi di scena, sguardi che durano minuti, protagonisti che non maturano. Da un regista e sceneggiatore come Bill Condon ci si poteva aspettare di più, utilizzando magari il fantasy, gotico e horror che sono presenti (a quanto ho letto) nei libri. Il nostro amichevole Bill, invece, si mette d’impegno a svuotare sullo spettatore betoniere di melassa mista a miele, intrappolando lo spettatore in una infinita serie di sguardi, pathos e di dialoghi smielati quando non servono. Ci viene in aiuto il metodo FinalCiakkiano (meglio del metodo Stanislavskij) ovvero trovare il comico dove non c’è. Ridere a dismisura con gli altri uomini attorno a te, mentre le donne rilasciano grondanti lascrime. Lacrime che gli uomini verseranno a casa pensando al prezzo di biglietto ed eventuale bluray a venire.


Oh mio dio! Se lo sapevo prendevo la pillola!

Il cast rimane ancorato a Twilight, Pattinson monoespressivo (Derek Zoolander), Lautner gonfio nel petto (300), Stewart in lingerie che si morde il labbro e non ride mai (Frodo Baggins).

Fin dall’inizio del film si avvertiva che la serata sarebbe stata esilarante dopo la domanda di un attento spettatore: ma perché parte 1???…. finendo così in classifica tra le persone che non vorresti incontrare al cinema!


Stasera mi bombo Edward. Non sai cosa ti perdi bambina

C’è da dire che essendo andati di domenica sera il pubblico presente in sala si aggirava sopra i 20 anni, e gli unici tre sfigati senza donne eravamo noi, ma se fossimo andati alla prima o a uno spettacolo del pomeriggio con l’età media più bassa ci saremmo divertiti ancora di più e avremmo partecipato a molti più applausi.

Il capolavoro comico dell’anno, erano secoli che non vedevo un film così divertente… Luoghi comuni, stereotipi da ragazzina 14enne (sfigata), situazioni nonsense: se queste cose vi piacciono è il film per voi. Battute che resteranno nella storia del cinema, lunghissime scene di primi piani e slow motion con colonna sonora di band (probabilmente post-emo) pianoforte e archi. Nonostante tutto, meglio del capitolo precedente, Bella Swan diventa più gnocca soprattutto da vampira!

Potevano regalarci dei buoni film con questa saga: una commedia fantasy romantica, un fantasy horror romantico, invece di cadere nel trash ultrasentimentale senza nessun colpo di scena, e utilizzare ogni singolo frame di pellicola per gettare pathos a sbadilate, facendo abboccare così all’amo tante tante tiineigers e dimostrandosi infine nient’altro che un’operazione commerciale.

Vi aspettiamo ai Razzie Awards e per la flop ten di Finalciak.

Voto di IMDb: 4,7 con 19.243 voti
Voto di Snake Plissken: 4 (voto alla visione con Axel Foley e Flusso Canalizzatore: 7)
Voto di Axel Foley: 4 (Concordo con la visione utilizzando il metodo Finalciak, fa alzare il voto a 7)
Voto di Flusso Canalizzatore: 5

 

Informazioni su Snake Plissken

Snake Plissken

Membro fondatore di FinalCiak. Se vostra figlia è stata rapita da Cuervo Jones, potete scrivermi a snakeplissken@finalciak.com non lamentatevi se dopo scrivo 666 su un tastierino numerico. Adoro le sigarette American Spirit.

  • vigomoon

    Come poteva mancare un mio commento??? Della serie a volte ritornano ecco a voi l’unica sostenitrice di questa saga!!!!!!!!!!  Film beeeeeeeeeeeeeeeellissimo!!! L’amore di Edward per Bella esce dallo schermo e riesce ad entrare e coinvolgere tutto il pubblico in sala..

    La seconda parte cmq sarà molto ricca di azione!!!! Preparatevi…  :D 

  • Snake Plissken

    Con un bellissimo del genere ti dobbiamo presentare John Spartan…

  • Axel Foley

    Concordo

  • EdwardNygma

    LOL bellissima recensione!

    • Grazie!

      • EdwardNygma

        Ma prego! E scusa se i miei complimenti ti arrivano… con un paio d’anni di ritardo! ;)