Castle – Detective tra le righe

Categorie: Recensione, Serie TV

Pubblicato il 07-11-2011 alle 23:42

Titolo Originale: Castle
Regia: Rob Bowman, John Terlesky, e molti altri
Cast: Nathan Firefly Fillion (Richard Castle), Stana Katic (Detective Kate Beckett), Susan Sullivan (Martha la mamma di Castle), Molly C. Quinn (Alexis la figla di Casle), Jon Huertas (Detective Esposito), Seamus Dever (Detective Ryan), Tamala Jones (Dott. Parish)…
Guest Star: Fred Willard, Adrian Pasdar (Nathan Petrelli in Heroes), Penny Johnson (Sherry Palmer in 24), Michael Trucco (Samuel Anders in Battlestar Galactica), Stephen J. Cannell (famoso scrittore), Michael Connelly (famoso scrittore), e molti altri…
Genere: Commedia | Crimine | Drammatico | Mystery
Stagioni: 1 (10) | 2 (24) | 3 (24) | 4 (23) | 5 (24) | 6 (23) | 7 ()

Ci sono due categorie di persone
che pensano a come uccidere la gente:
gli psicopatici e gli scrittori di gialli.
La mia è quella che rende di più.
Chi sono? Sono Rick Castle
.

New York. Richard Castle è un famoso scrittore di libri gialli, viene contattato dal New York City Police Department per aiutare la splendida detective Kate Beckett in un caso omicidio tratto da un suo libro. Galvanizzato dall’esperienza, Castle in cerca di nuove ispirazioni chiede all’amico sindaco il permesso di affiancare la detective Beckett come consulente della polizia. Beckett prima riluttante rimmarà estasiata dal modo di pensare dello scrittore.
Castle decide di prendere a modello proprio la detective per creare la nuova protagonista dei suoi romanzi, Nikki Heat che ha una relazione piuttosto torrida con l’alter ego di Castle. Questo rende Beckett nervosa, ma c’è altro nell’aria. Durante i molteplici casi di omicidio i due diventeranno sempre più vicini ma senza mai concludere (“schiacciare”).

La serie è molto semplice, un caso da risolvere, molte piste false ed una sola e geniale idea porterà alla verità. Fin qui niente di nuovo è lo schema classico, da House MD a 24. La cosa che rende tutto diverso dalle altre serie è la stravaganza del partner del detective Kate Beckett, Richard Castle. Quest’ultimo è ricco, pieno di idee stravaganti, fervida immaginazione e con agganci da tutte le parti. Per quanto fastidioso, si rivela sempre molto molto utile.
La detective dall’altro lato è bella, testarda, decisa, dapprima infastidita da Castle per poi riconoscergli il merito per la soluzione di alcuni casi.

La genialità sta nella trama orizzontale ovvero il rapporto tra Beckett e Castle e su alcuni casi che rimangono irrisolti tra cui l’omicidio della madre di Kate.
Nathan Filion è un mattacchione, se lo seguite su Twitter parla sempre di HammerCycle, astronavi, browncoats, omicidi. In un tweet di qualche tempo fa ha scritto che mentre giravano una scena in un palazzo ha sentito in un appartamento la sigla di Castle e ha bussato alla porta dicendo: “Sono qui fuori!”

Ora arriviamo alla votazione, è ovvio che, come ogni serie alcune puntate siamo meglio di altre e in questo caso alcune sono addirittura da 10. La media è comunque sempre alta.
Motivi per guardarla: Omicidi, Risate, Immaginazione, Inseguimenti, Sparatorie, Mistero e per al gioia delle donne amore.

Voto di IMDB: 8,4 con 13.470 voti
Voto di Snake Plissken: 8

 

Informazioni su Snake Plissken

Snake Plissken

Membro fondatore di FinalCiak. Se vostra figlia è stata rapita da Cuervo Jones, potete scrivermi a snakeplissken@finalciak.com non lamentatevi se dopo scrivo 666 su un tastierino numerico. Adoro le sigarette American Spirit.