The woman in black

Categorie: Film, Recensione

Pubblicato il 23-12-2012 alle 15:21

the-woman-in-black
The woman in black (2012, UK, Canada, Svezia, 95 min)
Regia: James Watkins
Interpreti: Daniel Radcliffe, Ciarán Hinds, Misha Handley
Scritto da: Jane Goldman (sceneggiatura), Susan Hill (romanzo)
Genere: Horror
Arthur Kipps, avvocato, viene spedito in uno sperduto villaggio per sbrigare le questioni legali riguardanti la casa ad Eel Marsh, appartenuta alla scomparsa Alice Drablow.
Subito si dovrà scontrare con la reticenza dei paesani che faranno di tutto per rimandarlo a Londra e tenerlo lontano dall’edificio; da avvocato diligente, Arthur non si fa scoraggiare e si reca nell’imponente magione; mentre esamina i documenti della defunta Alice, vedrà una donna vestita di nero aggirarsi intorno alla casa, che comincerà ad ossessionarlo.

NEjQfytVsBThnm_1_1

La trama è quantomai banale, la solita donna frustrata che, dopo la morte, tormenta i vivi per sana vendetta.
La tensione è ai minimi storici e si sfiora l’addormentamento: vi giuro ho fatto fatica ad arrivare alla fine, per niente coinvolta dalla vicenda.
Negli esterni c’è perennemente la nebbia e gli interni sono poco illuminati.
Daniel Radcliffe ha sempre la stessa espressione da cernia, almeno negli Harry Potter si notava poco perchè c’era la storia assai ricca di particolari e soprattutto coivolgente; qui le immagini scorrono una dietro l’altra sullo schermo senza catturarti emotivamente, si va avanti per inerzia nella visione.
Dal trailer prometteva molto bene, ma il risultato è deludente.

Voto IMDb: 6,5
Voto Lisbeth Kelevra: 4,5

 

Informazioni su Lisbeth Kelevra

Lisbeth Kelevra

Collaboratrice ufficiale di FinalCiak. Potete contattarla direttamente scrivendo a lisbethkelevra@finalciak.com

  • bat-fiz

    Bhe c’è da dire che Daniel Radcliffe non ha nemmeno l’aspetto di un adulto per fare questo film. E’ della schiera di gente come Shia LaBeouf. Saranno sempre identici fino a quarant’anni. e ciò non giova per niente. Soprattutto per un attore. E soprattutto se devi fare film dove interpreti un adulto… Comunque non scarterei a priori questo film. Ok la trama è banale, ma non troppo deludente. D’altra parte ci sono così tanti horror che è difficile distinguersi come trama. Il problema è saper fare a svilupparla. Non mi è dispiaciuto inizialmente. Non ti coinvolge appieno ma non ti strascica nemmeno gli zebedei con la solita confraternita che uccide gente, come quella volta che tentarono di ammazzare Nicola Gabbia. Il finale era logico. La prima cosa che i fratelli insegnano è che se vuoi eliminare un fantasma devi bruciare i suoi resti affogati nel sale… dilettanti. Comunque sia il voto è un 6.
    Ho voglia di vedere quell’horror con Megan Fox , ottima trama…ottima…

    • Megan Fox Body? te lo consiglio

    • Lisbeth Kelevra

      Di Jennifer’s body passano la colonna sonora e, per i maschietti, il nudo acquatico di Megan Fox… fossi in te andrei avanti veloce fino a quella scena! Direi uno horror da liceali.