I Fantastici Viaggi di Gulliver (in 3D)

Categorie: Film, Recensione

Pubblicato il 23-02-2011 alle 21:19

Regia: Rob Letterman
Sceneggiatura: Joe Stillman (sceneggiatura), Nicholas Stoller (sceneggiatura), Jonathan Swift (libro)
Interpreti: Jack Black, Jason Segel, Emily Blunt, Amanda Peet, Billy Connolly, Chris O’Dowd
USA (2010), Avventura / Commedia / Fantasy, 85 min

Trama: Lemuel Gulliver (Jack Black) è l’addetto alla posta di un quotidiano di New York con aspirazioni da grande uomo e una cotta per la responsabile della sezione viaggi Darcy (Amanda Peet). Per fare finalmente colpo su di lei si finge un esperto viaggiatore e ottiene così un pericoloso servizio sul Triangolo delle Bermuda. Peccato uno strano temporale lo faccia approdare invece in una terra sconosciuta, Lilliput, dove tutto è così piccolo da far sentire Lem, per la prima volta, un grande uomo sul serio. Gulliver diventa una celebrità , una personalità importante che tutti ammirano e idolatrano, l’unico capace di difendere lo stato e la famiglia reale dagli attacchi dei meschini blefuscudiani… ma nel momento della battaglia finale la sua forza sembra vacillare a scapito della sicurezza dei lillipuziani e della sua amata Darcy. Gulliver deve trovare dentro se stesso il modo di diventare un vero gigante per salvare le persone che ama, piccole o grandi che siano.[da everyeye.it]

Impressioni: Non c’è molto da dire, Jack Black va a Lilliput in questa ennesima rivisitazione del romanzo di Swift. Una commedia senza infamia e senza gloria, dove si sorride ma non si ride alle battute e alle situazioni che si possono trovare in tutti i film di Jack Black: il classico nerd che veste con magliette strane e braghe corte con le tasche, fanatico di musica rock anni ’70 e imbranato all’ennesima potenza.

Nota di biasimo per il 3D, una vera e propria TRUFFA AI DANNI DELLO SPETTATORE. In pratica non c’è, è un effetto appena accennato. La sensazione è chiara: far pagare allo spettatore di più per far lievitare gli incassi dando un effetto 3D scarsissimo. Si potrà lanciare tutta la merda che si vuole su Resident Evil Afterlife, ma il suo 3D è tra i migliori che ho visto (dopo Avatar). Ma soprattutto perchè mettere la tridimensionalità in una commedia, se non per rubare soldi?

Conclusioni: La classica commedia di Jack Black con in più la truffa del 3D. Si sorride ma ci si arrabbia pensando ai 10 euro spesi (se non si ha la *smack* Tessera 3 *smack* *smack*). Se siete fan dell’attore rockettaro, aspettate il film al noleggio o almeno non guardatelo al cinema in 3D.

Pro: C’è Jack Black, citazioni di film a iosa, musica rock

Contro: non molto comico, 3D truffa, rischio sbadiglio.

Voto IMDb: 4,7
Voto di Doc Brown: 6
Voto di Snake Plissken: 6 (rischio 5 per il 3D truffa)

 

Informazioni su Doc Brown

Doc Brown

Membro fondatore di FinalCiak. Potete contattarlo direttamente scrivendo a docbrown@finalciak.com