Total Recall – Atto di forza

Categorie: Film, Recensione

Pubblicato il 15-10-2012 alle 13:58

Total Recall (USA | Canada, 2012, 133min)
Regia: Len Wiseman.
Cast: Colin Farrell, Kate Beckinsale, Jessica Biel, Bryan Cranston, Bokeem Woodbine, Bill Nighy, John Cho.
Tratto dal racconto “We Can Remember It for You Wholesale” di Philip K. Dick.
Genere: Azione | Avventura | Fantascienza | Thriller
Immagini in HD

Douglas Quaid (C. Farrell) è un operaio in una fabbrica che costruisce poliziotti sintetici. Quaid, per andare al lavoro, utilizza un ascensore ad inversione di gravità ovvero un tunnel che fora la crosta terrestre per collegare La federazione unita di Britannia con La Colonia australiana. Perseguitato da incubi, stanco ed insoddisfatto -nonostante la moglie Lori (K. Beckinsale)- Douglas decide di andare alla Rekall, che gli farà ricordare qualsiasi cosa che lui desidera. Qualcosa però va storto e l’uomo comincia una lotta per riappropriarsi della sua identità accompagnato dalla ragazza dei suoi sogni, Melina (J. Biel).

La pellicola è un remake del film di Paul Verhoeven, ma come nell’Atto di forza di Arnold Schwarzenegger la novella di Philip K. Dick è più un linea da seguire che una vera e propria sceneggiatura.

Questa volta il protagonista non è un massiccio bodybuilder con un simpatico accento, ma un empatico Colin Farrell accompagnato dall’immancabile Selene scusate Kate Beckinsale (moglie del regista) che è più spietata di un Terminator T800 e più veloce di uno scoiattolo iperattivo sotto caffeina.

Le scenografie ricordano molto quelle di Blade Runner di Ridley Scott e di Minority Report di Steven Spielberg entrambi tratti da novelle di Philip K. Dick. Il tutto si prospetta come pseudo realistico seppur basato su alcune trovate scientificamente improponibili; la nuova geo politica, frutto di una guerra chimica globale è anch’essa abbastanza risibile.
I paragoni con il vecchio film non li faccio nemmeno, perché la pellicola è ben lavorata e espande in maniera differente il soggetto della novella originale.

Il problema è in quello che la pellicola lascia. Wiseman se l’è cava egregiamente con l’azione e con l’ambientazione, ma si ferma lì. Il film intrattiene e diverte ed in alcuni momenti può addirittura essere uno spettacolo visivo, ma dubito che abbia qualcosa che lo possa far diventare un icona del genere.

Da notare anche come il finale non rimane sospeso, con un contesto del genere si poteva tranquillamente pensare ad una trilogia di azione/fantascienza.

Concludiamo con il consiglio di andarvelo a vedere al cinema se siete dei veri amanti del genere, altrimenti guardatevelo in alta definizione quando sarà disponibile. Un film spettacolare per gli occhi e per le orecchie, ma che pecca un po’ nella sostanza. Divertente e disimpegnato.

Voto di IMDb: 6,3 con 31.581 voti
Voto di Snake Plissken: 7,3 (buono l’esplosimetro)
Voto di Axel Foley: 7,5

 

Informazioni su Snake Plissken

Snake Plissken

Membro fondatore di FinalCiak. Se vostra figlia è stata rapita da Cuervo Jones, potete scrivermi a snakeplissken@finalciak.com non lamentatevi se dopo scrivo 666 su un tastierino numerico. Adoro le sigarette American Spirit.

  • Schwarzy

  • Concordo, un film piacevole per gli occhi e per intrattenimento, con qualche caduta di stile, ma tutto sommato regge bene. Kate Beckinsale qui è odio puro! :)
    Voto 7

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com