Candidato a Sorpresa

Categorie: Film, News, Recensione

Pubblicato il 23-09-2012 alle 2:10

The Campaign (USA | 2012 | 85 min)
Regia: Jay Roach; Sceneggiatori: Shawn Harwell, Chris Henchy; Cast: Will Ferrell, Zach Galifianakis, Jason Sudeikis, Dylan McDermott, John Lithgow, Dan Aykroyd.
Genere: Commedia.

“La guerra ha le sue regole, la lotta nel fango ha le sue regole.
I politici non hanno regole”

Trama

Cam Brady è un parlamentare di lunga data che commette una “leggerissima” gaffe nel momento della campagna elettorale.
Due importanti miliardari decidono così di spalleggiare un possibile altro candidato per la campagna, in modo da conquistare appieno la fiducia del distretto della Carolina del Nord, e questo solo per i loro sporchi traffici imprenditoriali.

La scelta ricade sul figlio (un po’ scemo) di un importante uomo politico americano. Marty Huggins.
Inizialmente sembrerà perdere punti ad ogni parola che professa, ma con l’aiuto dell’uomo-ombra, Tim Wattley, la campagna ci lascerà senza parole. La sporca politica viene rappresentata in modo straordinario, sino a scendere ai livelli più bassi che per fortuna non abbiamo ancora visto…credo.

Con un cameo di John Goodman, ed un ruolo minore di Dan Aykroyd il film risulta avere tutti i connotati per essere un film assurdo e totalmente stupido come solo Will Ferrel ci ha regalato (ricordate Frank la Tanica??) ma se lo accostiamo ad Alan di Una Notte da Leoni, non puoi fare a meno di ridere ad ogni battuta.

Un po’ volgare sotto certi toni, ma non assolutamente pesante come può sembrare.

Voto IMDb: 6,4 con 8.877 voti

Voto Bat-fiz: 7,5
Voto di Snake Plissken: 6,5

 

Informazioni su bat-fiz

bat-fiz

Collaboratore ufficiale di FinalCiak. Potete contattarlo direttamente scrivendo a batfiz@finalciak.com

  • Check

    Flame on it!

  • Allora, il film non è male e fa luce, in maniera comica, sulla politica americana.
    Ferrell e Galifianakis sono ottimi nella parte, ma il film non prende mai esattamente il volo. Fa ridere e sorridere continuamente, ma non mi ha mai preso nella sua interezza.

    Vedere Aykroyd mi fa solo ricordare la tanto amata “Poltrona per due”.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com