Sherlock Holmes

Categorie: Film, Recensione

Pubblicato il 04-05-2010 alle 17:02

Robert Downey Jr., Jude Law, Rachel McAdams, Mark Strong. Musiche di Hans Zimmer. Sherlock Holmes & John Watson creati da Sir Arthur Conan Doyle. Prodotto da Joel Silver. Diretto da Guy Ritchie.
USA 2009. Azione/avventura/mystery, 128 min.

Siamo a Londra, seconda metà dell’800, il malvagio e oscuro Lord Blackwood (Mark Strong) sta per sacrificare l’ennesima vittima durante un rito esoterico davanti alla sua setta segreta. Il tentativo viene sventato dall’intervento di Holmes e Watson e l’arrivo seguente di Scotland Yard decreta l’arresto di Blackwood e la sua condanna a morte. Il caso sembra risolto ma ben presto i due protagonisti si renderanno conto che l’azione appena sventata era solo un piccolo tassello del puzzle creato da Lord Blackwood e con l’aiuto della bella Irene (Rachel McAdams) verranno chiamati a lavorare ancora una volta insieme.

Personaggio uscito dalla penna di Sir Arthur Conan Doyle con la pubblicazione del romanzo “Uno studio in rosso” datato 1887, Sherlock Holmes vuole essere una rivisitazione in chiave moderna dell’investigatore privato più famoso del mondo. Il film ha ritmo (forse un pò troppo veloce a volte), azione (Joel Silver è sinonimo di esplosioni) e una buona dose di ironia, affascinante lo scenario londinese che da quel tocco di mistero in più.

Sono un grande appassionato delle avventure dell’investigatore privato residente al 221 di Baker Street e attendevo con ansia l’uscita della pellicola, ma vi posso dire che nell’adattarla alle nostre generazioni ci si è discostati molto da quello che era il personaggio originale: Holmes è tutt’altro che gentleman, donnaiolo, sempre a punzecchiarsi con Watson ed ha il vizio delle scommesse; il film fa intendere da subito che questa sarà l’ultima avventura della coppia perchè Watson si sposerà a breve lasciando l’appartamento diviso con l’amico e questo si discosta molto dai personaggi originali che sono invece inseparabili amici. Da apprezzare il fatto che non è stata recitata l’espressione “Elementare, mio caro Watson” che nei libri non compare mai ma è stata inserita successivamente negli spettacoli teatrali, (se l’avessero inserita avrei tolto un punto al voto finale!!!). Una nota al doppiaggio italiano: personalmente dato il carattere del personaggio avrei doppiato Robert Downey Jr. con Angelo Maggi come in Iron Man piuttosto che con Luca Ward.

Sherlock Holmes rimane comunque un buon film e ne consiglio la visione anche perchè se vi ricordate è uscito il giorno di Natale ed ha battuto il cinepanettone .

Voto di IMDb: 7,6 con 73.846 voti
Voto di Axel Foley: 8
Voto di Snake Plissken: 7,5
Voto di Doc.Brown: 8

 

Informazioni su Axel Foley

Axel Foley

Membro fondatore di FinalCiak. Potete contattarlo direttamente scrivendo a axelfoley@finalciak.com