The War – Il Pianeta delle Scimmie

Categorie: Film, Recensione

Pubblicato il 03-08-2017 alle 18:50

War for the Planet of the Apes (USA/Canada/Nuova Zelanda | 2017 | 140min)
Andy Serkis (Cesare), Woody Harrelson (Il Colonello), Steve Zahn (Bad Ape), Karin Konoval (Maurice).
Sceneggiatura: Mark Bomback & Matt Reeves
Musiche: Michael Giacchino
Regia: Matt Reeves
Genere: Azione | Avventura | Guerra | Post-Apocalittico | Drammatico

Sono passati due anni dal film precedente e la guerra tra umani e scimmie continua a imperversare per tutto il pianeta. Cesare è sempre a capo della comunità di scimmie ma alcune di loro sono rimaste fedeli agli ideali di Koba e si sono addirittura alleati con gli umani. Dopo un violento scontro nella foresta Cesare sceglie di liberare i prigionieri che fanno capo al Colonnello, sperando così di ottenere la pace tra le due fazioni.

Successivamente il figlio di Cesare, Occhi Blu e il suo amico di vecchia data Rocket, tornano da un lungo viaggio e riferiscono di aver trovato un luogo perfetto per trasferire tutta la colonia. Alcuni, come il gorilla albino Winter, vorrebbero partire quella sera stessa per fuggire dalla guerra, ma secondo Cesare la proposta non è fattibile e quindi si vede costretto a rimandare. Il problema è che quella stessa notte un commando capitanato dal Colonnello in persone attacca la colonia e uccide il figlio e la moglie di Cesare… Madornale errore!

Spinto dalla sete di vendetta, Cesare si lancia all’inseguimento del Colonnello e manda il resto della comunità verso quel luogo scoperto dal figlio e da Rocket. Cesare vorrebbe arrivare alla resa dei conti con il Colonnello da solo ma fortunatamente lo accompagneranno amici di vecchia data come l’orangotango Maurice, l’amico Rocket e il Gorilla Luca, ricreando così la stessa formazione del primo film.

Durante il viaggio faranno nuove conoscenze aggiungendo altri componenti del gruppo e spiacevoli verità verranno a galla. Si riuscirà finalmente a porre fine alla guerra?

Qui Cesare deve ritrovare se stesso e capire se è veramente diverso da Koba, la scimmia dalla faccia sfregiata, il vero responsabile della guerra in atto, ora deceduto ma che continua a tormentarlo nei suoi incubi.

Questa pellicola chiude il ciclo della trilogia prequel iniziata nel 2011 e lo fa egregiamente essendo sicuramente all’altezza delle precedenti, si ricollega anche molto bene al cult del 1968. Le scimmie sono sempre più evolute, gli umani sempre più decimati, si vede tutto l’orrore della guerra, una guerra che dovrebbe essere tra due specie per il dominio del pianeta e invece mette anche contro individui della stessa specie. C’è anche una bellissima citazione ad Apocalypse Now.

Gli effetti visivi sono ottimi, ti dimentichi proprio che stai guardando della computer grafica, le musiche di Michael Giacchino non sono da meno. Ci sono delle buone scene d’azione alternate da dialoghi che ti tengono sempre incollato allo schermo e non ti fanno sentire la durata, forse eccessiva della pellicola. L’unico difetto è che magari il finale è un po’ frettoloso e sembra che si voglia chiudere tutto in fretta per collegarsi al film del ’68, ma nonostante alcuni passaggi di sceneggiatura obbligati, il regista Reeves, qui in veste anche di sceneggiatore, riesce ad andare contro alcuni dei soliti cliché.

Insomma se vi sono piaciuti gli altri film il consiglio è sicuramente quello di andare a vedere anche questo, sembrava il classico blockbusterone prequel di cui non se ne sentiva la necessità e invece bisogna fare i complimenti agli autori che hanno sfoderato davvero tre buoni prodotti.


Voto di IMDb: 7,9 con 67624 voti
Voto di Axel Foley: 3 Donkey su 5

 

Informazioni su Axel Foley

Axel Foley

Membro fondatore di FinalCiak. Potete contattarlo direttamente scrivendo a axelfoley@finalciak.com

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com