Carissima Me

Categorie: Film, Recensione

Pubblicato il 21-08-2016 alle 18:00

CARISSIMA_ME_mrL’âge de raison (France | Belgio, 2010, 97min)
Regia: Yann Samuell
Sceneggiatura: Yann Samuell
Cast: Sophie Marceau (Marguerite vel Margaret Flore), Marton Csokas (Malcolm), Michel Duchaussoy (Maitre Mérignac), Jonathan Zaccaï (Philibert Bakary)
Genere:  Commedia | Romantico

Scartabellando alcuni vecchi  file del pc, trovo in una cartella rinominata “RECENSIONI” antichi stralci di un passato remoto, o un futuro anteriore ancora da scoprire… tutto questo mi solletica l’idea [cit.] tanto che ho deciso di pubblicare la raccolta estiva “BATFIZ di un Futuro Passato” con il primo film.
Abbiate pietà.

images

Potremo vedere questo film come una piccola storia per bambini o per eterni malinconici della vita, ma non ne darei il giusto peso. Il fatto è che CARISSIMA ME, maledettamente tradotto in italiano, perché in realtà sarebbe L’age de la raison (L’età della ragione), vuole raccontare, come in un romanzo, la vita di Margaret o Marguerite (ottimamente interpretata da Sophie Marceau).

Trama:
Partendo da una donna in carriera, forse anche nevrotica, ci passa davanti a piccole dosi, quello che era il suo passato, da lei abbandonato e quasi cancellato.

Margaret, venditrice di centrali nucleari, presso un azienda gerarchicamente strutturata, viene investita, metaforicamente parlando, da alcune lettere che gli vengono recapitate per posta.

carissima-me2

Quelle lettere sono i ricordi della sua infanzia, i suoi sogni da bambina. E come un puzzle che deve essere ricomposto, si cimenta nello scopo, cercando di individuare il nesso di tutta questa strana faccenda.

Assurdamente, ritrova il vecchio amore, un parente dimenticato, e la gioia della sua infanzia.

Curiosità:
Vedere questo film vi può far venire in mente IL DIAVOLO VESTE PRADA, AMELIE e ne potrete anche scorgere alcuni difetti. Ad esempio come sia possibile che ci fosse l’euro, o come il fratello possa non essere presente in una fase importante del film. Troverete però esemplare l’espressività di Sophie, e semplicemente leggeri i collegamenti animati.

cover1300

Commento:
Sinceramente non lo trovo un film da lasciare nell’angolo della stanza a prendere polvere e ad utilizzarne la custodia per altri film, anzi credo che abbia un peso non poco indifferente. Difficilmente però mi verrà voglia di rivederlo.

La leggerezza con cui Yann Samuell tratta l’argomento è una mossa per niente stupida…  Non è per niente semplice!


Voto di IMDb: 5,8 su 10 con 1504 voti
Voto Batfiz: 2 lettere su 5

 

Informazioni su bat-fiz

bat-fiz

Collaboratore ufficiale di FinalCiak. Potete contattarlo direttamente scrivendo a batfiz@finalciak.com