Madagascar [Multirecensione]

Categorie: Animazione, Recensione, Scheda

Pubblicato il 27-08-2012 alle 0:15

Madagascar

Re Julien: “Benvenuti in Madagascar!”
Marty: “Madaga-che?”
Re Julien: “Non Madaga-che, Madagascar!”

Madagascar (2005, USA, 86 min)
Regia: Eric Darnell, Tom McGrath
Interpreti: Ben Stiller (voce), Chris Rock (voce), David Schwimmer (voce), Jada Pinkett Smith (voce), Sacha Baron Cohen (voce)
Scritto da: Mark Burton, Billy Frolick, Eric Darnell, Tom McGrath
Genere: Animazione, Avventura, Commedia
Doppiatori italiani: Francesco “Franz” Villa (Marty), Alessandro “Ale” Besentini (Alex), Michelle Hunziker (Gloria), Fabio De Luigi (Melman), Oreste Baldini (Re Julien)

Savana, alba: una zebra si slancia in evoluzioni acrobatiche e corre libera, sola nella sterminata pianura, si dirige verso un lago per abbeverarsi… e viene riportata alla realtà da un loquace leone (rischiando l’infarto)! La zebra Marty ed il leone Alex non sono infatti liberi nella savana, ma sono ospiti dello zoo di New York, insieme all’ippopotamo Gloria e alla giraffa Melman. Marty, alla vigilia del suo decimo compleanno, avverte che l’ambiente dello zoo gli va stretto e, di nascosto agli altri, evade per andare negli spazi sterminati… del Connecticut!
Gli amici preoccupati lo vanno a cercare tentando di convincerlo a tornare allo zoo. Nella Stazione Centrale di New York scateneranno il panico, verranno catturati e, dietro richiesta degli animalisti, rispediti in una riserva in Kenya. Durante la traversata, dei pinguini dirottano la nave ed i quattro si ritrovano proprio in Madagascar, dove dovranno affrontare la vita selvaggia, i loro istinti ed un gruppo di lemuri festaioli, comandati dal mitico Re Julien.

La trama è a tratti banale e buonista (d’altronde è pur sempre un film per bambini!), il film scorre tra gags e citazioni, tra le quali spicca quella da “American beauty” in cui su Alex cadono bistecche invece dei petali di rosa!
I disegni sono un pò grezzi e squadrati (anche se di fronte a “Nemo” nessuno regge il confronto!), risultano piacevoli e ben animati.
Ogni personaggio è ben costruito: Alex il divo egocentrico, Marty il sognatore, Melman l’ipocondriaco e Gloria che fa un pò da mamma.
Su tutti i personaggi spicca sua altezza reale Re Julien XIII “autoproclamatosi signore dei lemuri, etc., etc., etc.”: di un’idiozia unica, come si addice solo ai veri capi, perennemente in pieno delirio di superiorità, non ascolta mai il saggio consigliere Maurice, l’unico che capisce veramente la situazione.
Vengono introdotti i personaggi dei pinguini Skipper, Kowalski, Rico e Soldato, che diverranno protagonisti di uno spassosissimo corto natalizio (guarda il video) e successivamente di una serie TV.

Voto di IMDb: 6,8 con 111.400 voti
Voto di Lisbeth Kelevra: 7
Voto di Axel Foley: 6
Voto di Snake Plissken: 7

 

Madagascar 2 – Via dall’isola

Madagascar: Escape 2 Africa (2008, USA, 89 min)
Regia: Eric Darnell, Tom McGrath
Interpreti: Ben Stiller (voce), Chris Rock (voce), David Schwimmer (voce), Jada Pinkett Smith (voce), Sacha Baron Cohen (voce)
Scritto da: Eric Darnell, Tom McGrath, Ethan Cohen
Genere: Animazione, Avventura, Commedia
Doppiatori italiani: Francesco “Franz” Villa (Marty), Alessandro “Ale” Besentini (Alex), Roberto Gammino (Melman), Chiara Colizzi (Gloria), Oreste Baldini (Re Julien)

Dopo un periodo trascorso in Madagascar, Alex, Marty, Melman e Gloria sono desiderosi di tornare in patria: si imbarcano quindi su un velivolo piuttosto precario, pilotato dai pinguini (smentendo chi ha asserito che i pinguini non possono volare!). Dopo l’improbabile decollo, il volo procede per il verso giusto, finchè la mancanza di carburante non li costringe ad un devastante atterraggio di fortuna nel cuore dell’Africa. Qui Alex ritroverà i suoi genitori, fallirà l’iniziazione nel branco e verrà bandito da esso. Nel frattempo Gloria si lascia corteggiare dall’ippopotamo Moto Moto, mettendo in crisi Melman, da tempo innamorato di lei.
Intanto i lavori di riparazione dell’aereo vanno a rilento, con le scimmie in sciopero e conseguenti contrattazioni sindacali tra primati e pinguini!

La trama è semplice e lineare, viene dato più spessore ai quattro protagonisti con le incursioni nel passato di Alex ed i sentimenti tra Melman e Gloria. Non mancano le scene di azione, con tanto di catastrofi aeree e combattimenti con l’anziana signora in safari.
Re Julien è come sempre un totale idiota, nonostante si autoproclami re della riserva, nessuno gli dà credito, alla fine si riscatta dando un ottimo consiglio a Melman, e si rivela anche un “fischiatore professionista”!
Un ruolo fondamentale è quello dei quattro pinguini: loro è infatti il piano per recuperare i pezzi per riassemblare l’aereo, poi coordinando le scimmie dai pollici opponibili e non arrendendosi di fronte allo sciopero dei primati, rimettono in sesto il velivolo meglio di una squadra di ingegneri aerospaziali e lo conducono abilmente “verso l’infinito ed oltre!” (fare il pieno in mezzo all’Africa è difficile, quindi li perdoniamo se l’aereo rimane a secco!)

Voto di IMDb 6,7 con 60.172 voti
Voto di Lisbeth Kelevra: 7
Voto di Axel Foley: 7
Voto di Snake Plissken: 7

ANTEPRIMA: Madagascar 3 – Ricercati in Europa

Madagascar 3 – Europe’s Most Wanted (2012, USA, 93 min)
Regia: Eric Darnell, Tom McGrath, Conrad Vernon
Interpreti: Ben Stiller (voce), Chris Rock (voce), David Schwimmer (voce), Jada Pinkett Smith (voce), Sacha Baron Cohen (voce)
Scritto da: Eric Darnell, Noah Baumbach
Genere: Animazione, Avventura, Commedia
Doppiatori italiani: Francesco “Franz” Villa (Marty), Alessandro “Ale” Besentini (Alex), Roberto Gammino (Melman), Chiara Colizzi (Gloria), Oreste Baldini (Re Julien)

I nostri eroi, rimasti nel cuore dell’Africa, sentono il desiderio di tornare a New York, e l’unico modo per farlo è recuperare i pinguini ed il loro “aereo”.
Si recano quindi a Montecarlo, devastano il casinò in cui i pinguini e le scimmie giocano d’azzardo, ed attirano le ire del capitano del controllo animali Chantel DuBois, la quale vuole appendere la testa di Alex come trofeo nel suo ufficio. Per scappare si uniranno al circo Zaragosa, dove re-inventeranno lo spettacolo circense per far colpo su un impresario americano e tornare finalmente nella Grande Mela. Le cose non sono semplici, dovranno lottare contro la diffidenza degli animali del circo, convincerli a rimettersi in gioco e fare attenzione a DuBois in un’inseguimento che tocca tutta l’Europa.

Doverosa premessa: ho visto il film in versione originale sottotitolata, ed era anche la mia prima volta in 3D! Ero un pò scettica, essendo una quattrocchi pensavo che i due occhiali non si interfacciassero bene tra di loro, invece è andato tutto liscio. Però da purista rimango dell’idea che la settima arte deve essere in 2D. Torniamo al film.

La trama è ben costruita, ricca di azione, con esplosioni ed inseguimenti, ma anche di buoni sentimenti e comicità.
Gli scenari sono accurati e realistici (Montecarlo, la vallata alpina, il centro di Roma), la scena ambientata a Roma fa il verso a “Vacanza romane“: se qui Gregory Peck e Audrey Hepburn andavano in giro sulla Vespa, Re Julien e l’orsa Sonya vanno in giro su una Ducati nuova fiammante, per finire col rotolare giù per la scalinata di Trinità dei Monti.

Questa è la prima pellicola della serie ad essere girata in 3D; dice il regista Eric Darnell: “Mettere i nostri animali in un circo ci ha dato automaticamente delle favolose opportunità di lavorare con il 3D, non ci muoviamo solo sulla superficie della terra, ma ci muoviamo su nell’aria, lanciando, volteggiando e volando”. Tom McGrath aggiunge: “Il 3D fornisce molti strumenti in più con cui lavorare, è coinvolgente, ed è possibile sottolineare una scena emotiva tanto quanto una scena d’azione”
I registi si sono ispirati ad una performance del Cirque du Soleil per realizzare le performances circensi “in cui gli animali si mischiano in un caleidoscopio di moda ed acrobazie, saltando e volteggiando nell’aria con giocoso abbandono”.

I quattro protagonisti lasciano spazio ad altri personaggi, come:

– il capitano Chantal DuBois, donna indistruttibile e testarda con fiuto e movenze canine, che darà filo da torcere ai nostri amici inseguendoli dal Principato di Monaco al Nuovo Mondo, doppiata da Frances McDormand in originale, da Barbara Castracane nella versione italiana;

– Stefano la foca (lui si definisce leone marino, ma la fisionomia e la stazza sono indiscutibilmente quelle di una foca…), ingenuo ma profondo, da subito ritiene di dover dare una mano ai quattro sventurati; in originale doppiato da Martin Short, che per l’occasione ha seguito un corso di dizione italiana, visto che usa molti vocabili del nostro nobile idioma, nella versione italiana è doppiato da Stefano Benassi;

– la tigre Vitaly, all’apparenza freddo, in realtà è depresso per un suo numero fallito, e non riesce più ad esibirsi, vincerà la sua iniziale reticenza nei confronti dei fuggiaschi ed anche la sua peggior paura; in originale è doppiato da Bryan Cranston, nella versione italiana da Fabrizio Pucci;

– Gia la giaguara italiana (anche se in nessun atlante della fauna italiana compare il giaguaro…), trapezista, troverà in Alex un abile compagno di spettacolo; nella versione originale è doppiata da Jessica Chaistain, in italiano da Chiara Gioncardi.

Sentendo per la prima volta le voci originali, devo dire che il doppiaggio in italiano è reso bene per quanto riguarda Alex, Marty, Melman, Gloria, Re Julien ed i pinguini.
Ho avuto difficoltà a stare dietro a Chris Rock (Marty) che si mangia le parole, mentre Ben Stiller (Alex), Jada Pinkett Smith (Gloria), David Schwimmer (Melman) e Sacha Baron Cohen (Re Julien) scandiscono le parole e si seguono facilmente.
Per quest’ultimo, mi aspettavo una voce tipo Borat o Aladeen (Il Dittatore), con un ingelse stentato, invece Re Julien parla un inglese fluente, che non lo fa sembrare poi così idiota (insomma in italiano rende meglio Oreste Baldini). Gli artisti circensi, come accennato prima, parlano un inglese infarcito di termini italiani, mentre Frances McDormand (capt. DuBois) parla con un’accento francese.

Voto di IMDb: 7,3 con 14.328 voti
Voto di Lisbeth Kelevra: 7,5
Voto di Snake Plissken: 7,5
Voto di Axel Foley: 7

Conclusioni: direi che tutti e tre i film si lasciano guardare e scorrono, alcune trovate sono esilaranti, l’happy ending ed i sentimentalismi forse sono esagerati, ma si tratta sempre di pellicole indirizzate ad un pubblico di ingrate larve di yuppie! Sicuramente da vedere tutti e tre.

 

Informazioni su Lisbeth Kelevra

Lisbeth Kelevra

Collaboratrice ufficiale di FinalCiak. Potete contattarla direttamente scrivendo a lisbethkelevra@finalciak.com

  • Axel Foley

    The power of Lisbeth Kelevra!!!
    quindi il giaguaro non esiste????

    • Lisbeth Kelevra

      Come no, il famosissimo giaguaro italiano che abita le steppe russe! O la rana messicana ipnotica dello Sri Lanka!
      O le pantagane taglia XXXXL che aspettano il semaforo verde per attraversare i binari alla stazione Termini: se visitate Roma, non mancate di godervi questa fetida attrazione!
      Sarcasmo a parte (le pantegane ci sono sul serio!), non so perchè hanno attribuito all’intero circo la connotazione italiana, facendogli usare termini del nostro vocabolario, anche Vitaly che è russo, le rare volte in cui parla, usa qualche parola italiana… almeno non usano lo stereotipo del “pizza, mandolino e mafia” per descrivere l’Italia!

  • Axel Foley

    ah ecco non avevo letto fauna italiana… pensavo in generale nel mondo… sorry!
    gloria gloria all’ipnorospo!!!!

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com