Crimson Peak

Categorie: Film, Recensione

Pubblicato il 17-11-2015 alle 22:07

Crimson-Peak

Crimson Peak ( USA | Canada, 2015, 119min)
Regia: Guillermo del Toro
Sceneggiatura: Guillermo del Toro & Matthew Robbins
Cast: Mia Wasikowska (Edith Cushing), Jessica Chastain (Lucille Sharpe), Tom Hiddleston (Thomas Sharpe), Charlie Hunnam (Dr. Alan McMichael)
Genere:  Drama | Fantasy | Horror | Mystery | Romance | Thriller

Guillermo-Del-Toro-Crimson-Peak-door

L’ultima fatica di Del Toro è arrivata e dopo le straordinarie opere portate sul grande schermo, dalle più recenti, come Pacific Rim, a quelle più vecchie, come Il labirinto del Fauno, ero elettrizzato nel vedere questa pellicola incentrata sui fantasmi.
Eppure non so ancora come giudicarlo. Veniamo alla trama.

La giovane figlia di un follemente ricco costruttore di Buffalo, viene coinvolta in sentimentalismi banalotti dall’altrettanto giovane baronetto Sir. Thomas Sharpe, intento ad ottenere finanziamenti per la realizzazione di una sua invenzione.
I due si sposeranno e andranno a vivere in Inghilterra, nella dimora nota come Crimson Peak.
Questa fatiscente residenza ha però in sé presenze che si manifesteranno alla giovane Edith rivelando un terribile segreto.

Il film parte bene. Una buona scena di impatto. Il dolore della perdita della madre da parte di Edith, rumori, il fantasma della madre che ritorna per metterla in guardia.

E fin qui nulla di nuovo, tutto visto nel trailer, ma ben costruito. Poi la chicca di Jim Beaver (molti lo ricorderanno per l’interpretazione di Bobby in Supernatural) che fa la parte del padre di Edith. Un uomo dalla personalità forte che si è fatto da se. Un uomo dai valori solidi ed ideali che si aggrappano probabilmente a quelli dei padri fondatori e come essi è talmente ricco da far schifo.

crimson-peak-ghost-tub

Edith invece, interpretata da Mia Wasikowska, nonché l’Alice nel fin troppo Disneyano “Alice in Wonderland” di Tim Burton,  è ora una ragazza cresciuta che ha fatto della sua particolare visione una vera e propria ossessione, tanto da tentare di divenire una scrittrice di narrativa di genere. Un’interpretazione che non risalta come dovrebbe, ma è comunque al di sopra di quella del baronetto Sharpe, ovvero il mitico Loki, di Thor e Avengers. Nientepopodimenoche Tom Hiddleston…lasciamo un attimo le ragazze riprendersi…fatto?…ok…Mi risulta infatti sciatta, senza troppa passione. Ho preferito invece la sorella Sharpe, Jessica Chastain. Si proprio lei, quella di Interstellar, The Help e del più recente The Martian. Una pazza scatenata da far paura. Dato che questo film sembra più il club dei “Prima o poi ritornano” non poteva mancare, reduce da Pacific Rim e Sons Of Anarchy, Charlie Hunnam, che Del Toro ha rivoluto e che voglio ritrovare in Pacific Rim 2.

Crimson-Peak-Mia-Wasikowska

Se una persona va a vedere un film di Guillermo è naturale che lo faccia per gli effetti speciali. Che provengano dal suo genio o tratto da fumetti, ha sempre offerto la massima qualità. Ricordiamo l’essere senza occhi che guarda con le mani de Il labirinto del Fauno, Hellboy, i mostri di Pacific Rim…considerando che questa pellicola parla solo di fantasmi, e considerando che sono l’elemento sovrannaturale unico e principe, mi aspettavo qualcosa di più gotico, più impressionante, più spettrale nel vero senso del termine. Il risultato è più uno scheletro vagante con qualche pezzetto di carne attaccata colorata con un rosso acceso…o cremisi.

Crimson-Peak (1)

In tutto questo contesto però la trama è l’unica vera mancanza. Pare più il figlio, un figlio ben fatto sia chiaro, di The Haunting e Il sesto senso. Non è un pessimo film ma non mi ha colpito particolarmente.

Che bel figurino


Voto di IMDb: 6,5 con 102236 voti
Voto Bat-fiz: 6

 

Informazioni su bat-fiz

bat-fiz

Collaboratore ufficiale di FinalCiak. Potete contattarlo direttamente scrivendo a batfiz@finalciak.com

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com