Wolfman

Categorie: Film, Recensione

Pubblicato il 20-02-2010 alle 20:55

Wolfman, USA 2010
Regia: Joe Johnston
Cast: Benicio Del Toro, Anthony Hopkins, Emily Blunt, Hugo Weaving, David Sterne
Genere: Horror / Thriller

Venerdì sera. Il nostro utente John Spartan ha chiamato il sottoscritto Snake a vedere Wolfman. Un “Bellissimo” arieggiava, anche se ero molto poco convinto. Ho voluto quindi chiedere a Brown se voleva unirsi alla sventura. Il Cineplus era già pronto ad accogliere le nostre terga…

Joe Johnston lo conosco solo per Jurassic Park III e per Jumanji, anche se non mai prestato occhio alla regia in questi due film.
Anthony Hopkins se non lo avete presente è Hannibal Lecter, anche se è un insulto ricordarlo solo per quel ruolo; è un attore con un grandissimo carisma e con un’ottima capicità interpretativa.
Hugo Weaving è uno e trino: Agente Smith, Elrond e V. Si, sotto la maschera di V c’è lui.
Benicio Monserrate Rafael Del Toro Sanchez è il protagonista, attore che conosco solo per tre pellicole: Sin City, 21 grammi, Snatch.
Rimane solo Emily Blunt e ringrazio IMDb per avermi fatto ricordare dove l’avevo già vista: Il diavolo veste Prada.


In fondo alla pagine trovate tutte le immagini in buona definizione!

Trama

Lawrence Talbot (Benicio del Toro) è un attore teatrale. Ha sempre vissuto in America dopo un tragico incidente avvenuto a sua madre. Tornato a Londra per uno spettacolo viene contattato dalla fidanzata del fratello (Emily Blunt).
Il fratello è disperso da più di un anno.
Lawrence torna nel piccolo villaggio di Blackmoor; a casa c’è il cadavere del fratello che presenta delle grosse ferite. Il padre (Anthony Hopkins) è uno scurbutico dal grilletto facile. Indagando sulla morte del fratello, si imbatterà in un sospettoso ispettore di Scotland Yard (Hugo Weaving). Lawrence si innamorerà (oh che bello, oh che bello, non c’è più mio fratello) e scoprirà la verità sulla leggenda dei licantropi.

Come avete letto la trama è lineare, talmente tanto che non sapevo cosa scrivere, ma non è certo la parte thriller che interessa in questo film. Si, qualche bel colpo da prendere c’è, niente di particolare, Doc.Brown ha preso spavento solo nel finale. Quando non c’è nulla è praticamente ovvio che salterà fuori qualcosa dal nulla. Telefonato.
Il film è di una buona violenza che non fa mai male. Il lupo mannaro squarta le vittime con una finezza degna di Jason, lasciando sangue e budella dappertutto. Ha anche il vizio di staccare la testa in un sol colpo. Ottimo direi.

Benicio Del Toro fa un ottima parte, prima e dopo il “fattaccio”, anche durante la tortura nel manicomio, bravo bravo. Anthony Hopkins ovviamente non è da meno, ottime le scene in cui imbraccia il suo fucile per difendere la sua proprietà. Emily Blunt non è male, anche se sinceramente non mi è rimasta molto impressa. Hugo se non ha gli occhiali da sole non da il meglio di se.

Se amate le mattanze, il sangue, le budella e la licantropia in genere non posso che consigliarvi questo film, che passa allegremente tra una testa che vola e ululato nella notte.

Ovviamente dovete avere l’abbonamento del Cineplus, il biglietto intero è da ladracci!

Voto Snake Plissken: 7 (con le M&Ms blu)
Voto di Axel Foley: 6
Voto di Doc Brown: 6

 

Informazioni su Snake Plissken

Snake Plissken

Membro fondatore di FinalCiak. Se vostra figlia è stata rapita da Cuervo Jones, potete scrivermi a snakeplissken@finalciak.com non lamentatevi se dopo scrivo 666 su un tastierino numerico. Adoro le sigarette American Spirit.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com