Lockout

Categorie: Film, Recensione

Pubblicato il 13-07-2012 alle 17:29

Lockout (Francia | 2012 | 95 min.)

Guy Pearce (Snow), Maggie Grace (Emilie Warnock), Lennie James (Shaw), Peter Stormare (Langral). Prodotto da Luc Besson. Diretto da James Mather & Stephen St. Leger.
Genere: Azione | Fantascienza
Washington, 2079. Snow è un’agente della CIA che a seguito di un’operazione viene accusato di omicidio e dovrà essere trasferito su MS 1, un carcere di massima sicurezza situato su una stazione spaziale e capace di ospitare fino a 500.000 detenuti!
Intanto si reca su questo splendido luogo di villeggiatura anche la figlia del presidente degli USA Emilie Warnock, il suo incarico è di interrogare alcuni detenuti verificando che nel carcere non ci siano problemi; nel carcere infatti i detenuti sono sottoposti a stasi criogenica e pare che in alcuni di loro si sviluppino danni al cervello causando una demenza precoce…
Beh insomma durante l’interrogatorio un detenuto si ribella e libera tuta la feccia rinchiusa nel carcere. E chi chiamerai per liberare la figlia del presidente? (Presidente di che?)
Ovviamente l’agente Snow!

E così Die Hard incontra Fuga da New York/Los Angeles!

Snow è un personaggio d’azione alla anni ’90: gonfio di muscoli, con la paglia sempre in bocca e la battutaccia sempre pronta, apparentemente di un’ignoranza abissale (questo potrebbe attribuire il personaggio a Die Hard).
Il fatto di mandare un solo uomo a risolvere la situazione in quella gabbia di matti che è MS 1 fa molto fuga da N.Y./L.A.
Difficile stupire il Finalciakiano al giorno d’oggi, soprattutto in fatto di esplosioni, specie dopo aver visto i Transformers di Michael bay.
Quindi Lockout rimane un film di minc… di nicchia, per chi ama un certo genere, ma ancor di più da vedere quando non si ha voglia di trame particolarmente impegnate.

Impressioni di Snake Plissken:
Guy Pearce (Snow) è inaspettatamente gonfio di muscoli e di battutacce, quasi a equiparare i vecchi eroi tamarri anni ’80 (Schwarzenegger, Stallone, Willis, Russel). La pellicola è ambientata nel 2079, ma risulta anacronistica rispetto ai canoni odierni.
Non sicuramente un film per cinecultori, ma ottimo in questi calori estivi per staccare il cervello. Adatto ai FinalCiakers più estremisti e dalla bocca buona.

Pro: Potrebbe essere un buon surrogato di Snake Plissken.
Contro: effetti speciali creati su un Amiga 1000.

Voto di IMDb: 6,1
Voto di Snake Plissken: 6,5 (“Presidente di che?”)
Voto di Axel Foley: 6,7

 

Informazioni su Axel Foley

Axel Foley

Membro fondatore di FinalCiak. Potete contattarlo direttamente scrivendo a axelfoley@finalciak.com

  • Axel ma che voto hai dato? 6,7?

  • Doc Brown

    Un filmone d’azione stile anni ’90 così, ed è 6,5?! Potrei anche guardarlo…

  • Axel Foley

    Mi sentivo più cretino del solito in quel momento… film da vedere cmq

  • Doc Brown

    Magari io non ironizzerei sugli effetti speciali scarsi paragonandoli alla potenza sconfinata dell’Amiga 1000…

    • Si ma noi siamo dei rubboni (sic) e possiamo fare quello che ci pare.

  • Check

    Grazie!
    Grazie per la recensione…
    L’ho visto il 16 Agosto; oggi è il 30 e grazie a Snake so che non devo scriverla la rece, ma già c’è! Evviva!!!

    Questa IDEA ORIGINALE DI LUC BESSON, rientra nella categoria dei miei film: “ma che è sta merda?”
    Non sta recitando; dorme dopo aver letto il copione!

    E’ tutto un già visto, a volte tristemente comico… 3 e sto!